Isole Eolie: tagli in vista per i collegamenti marittimi


Iddu5 Marzo 2008 -Isole Eolie in subbuglio innanzi all’intenzione palesata dalla Regione di tagliare in modo significativo i collegamenti marittimi, tra l’arcipelago e la terraferma, assicurati dalla Ustica Lines e da Ngi. Al momento mancano infatti all’appello 5milioni di euro necessari allo scopo di raggiungere un potenziamento dei fondi pari al 30%, senza il quale le due compagnie di navigazione non sarebbero in grado di garantire i servizi integrativi sinora erogati.

Unitariamente contrari all’ipotesi volta al ridimensionamento della portata dei collegamenti marittimi da e per le Eolie, si sono dichiarati i quattro sindaci dell’arcipelago i quali, insieme al presidente della Federalberghi, Vito Russo, hanno partecipato alla riunione convocata a Palermo presso il Dipartimento regionale dei Trasporti. All’incontro, presieduto da Salvatrice Severino, erano inoltre presenti funzionari e dirigenti dell’assessorato regionale, nonché un rappresentante della TPS, la società che, per conto della Regione, si è occupata dello studio per la gestione dei collegamenti con la terraferma delle isole minori della Sicilia.

Nel corso del vertice Mariano Bruno (Lipari), Massimo Lo Schiavo (Santa Marina), Salvatore Longhitano (Malfa) e Antonio Podetti (Leni) hanno espresso la propria preoccupazione per un provvedimento che andrebbe a compromettere la mobilità, in maniera particolare quella estiva, dei residenti e dei turisti.IdduIddu

Scendendo nel dettaglio dei tagli paventati dalla Regione, le forbici del bilancio si accanirebbero in primis contro la corsa estiva effettuata dalla Ustica Lines con partenza prevista da Napoli alle ore 8:00 e conseguente ritorno: un atto che, più d’ogni altro, ha raccolto l’inflessibile opposizione da parte dei quattro amministratori eoliani. I restanti provvedimenti previsti riguardano invece la seconda corsa giornaliera assicurata dalla Ngi ed il taglio di uno dei porti dell’isola di Salina, ovvero quello di Santa Marina o Rinella: una decisione che i tre sindaci della perla verde dell’arcipelago hanno semplicemente bollato come “assurda”.

Gli amministratori eoliani restano adesso in attesa di un incontro con Salvatore Misuraca, assessore regionale Turismo, comunicazioni e trasporti, al fine di manifestare direttamente al deputato forzista le proprie perplessità riguardo lo studio per la gestione dei collegamenti realizzato dalla Tps, alla vigilia degli ormai prossimi bandi di gara per l’affidamento dei servizi marittimi integrativi.

 da strettoindispensabile


Una replica a “Isole Eolie: tagli in vista per i collegamenti marittimi”

  1. Ti ringrazio per il commento ma la riduzione da parte della regione Siciliana non farà certamente perdere di fascino alle Eolie , anzi le difficoltà aumentano la bellezza……..:-)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.